giovedì 4 aprile 2019

Arriva "Il Pungolo"

Quando son nato come blogger, la prima cosa che mi hanno insegnato è che non contiamo un cazzo.
Oggi, a distanza di anni, tengo ancora fede a questo dogma: per quanto possiamo sforzarci e finire di tanto in tanto sulle emissioni radio televisive, dobbiamo sempre darci un tono ed essere professionali per sembrare vagamente credibili.
Ora che però ho il sospirato "pezzo di carta", almeno io posso smetterla di fare il serio.

Nasce da oggi "Il Pungolo", una rubrica settimanale (o almeno quella è l'intenzione) nella quale parlerò in libertà della politica del trasporto pubblico di Roma e dintorni. Saremo l'opposizione che Roma merita e della quale non sentiva assolutamente il bisogno.

Quale miglior pilota se non il parlare dell'ennesimo hashtag della propaganda? A voi buona lettura

giovedì 21 febbraio 2019

La gara del TPL è stata annullata


Dopo un mese di travagliata attesa, quando avevamo segnalato ben 5 ricorsi al TAR pronti a stoppare la gara per sostituire Roma TPL, il responso è arrivato: il Tribunale Amministrativo ha disposto l’annullamento delle procedure di gara.


In attesa di conoscere le motivazioni della magistratura, appare sempre più certa la necessità di prorogare il contratto all’attuale esercente, la cui gestione è stata già artificialmente prorogata dall’amministrazione Raggi fino al primo gennaio 2020.

L’ennesimo schiaffo morale per i tanti pendolari della periferia romana e per gli elettori che hanno pensato che le gare si sarebbero fatte bene.

martedì 19 febbraio 2019

Le vetture a noleggio non sono sicure?



Le vetture noleggiate dall’Atac non vanno bene, così si legge in una lunga lettera che Filt Cgil, Fit Cisl, Uilt, Faisa, Fast hanno inviato ai vertici dell'azienda per denunciare una serie di rilevanti criticità.
Secondo i sindacati il posto guida, "non è adeguato per un lavoratore alto oltre 1,75 metri" e "i pedali del freno e dell'acceleratore sono troppo ravvicinati e non consentono una guida ottimale". A mancare anche la cabina blindata per l’autista ed il blocca porte "fondamentale per evitare ripartenze accidentali e per l'incolumità dei passeggeri". E ancora "il sistema di apertura verso l'esterno", che "procura molti disagi soprattutto sulle linee tipo 228 con carreggiata molto stretta con la possibilità di prendere in fermata i veicoli privati parcheggiati". Poi c'è lo specchio laterale destro, montato ad altezza uomo, con il rischio concreto di "colpire un pedone".

Tali problematiche, tutte da verificare,  che con tutta probabilità riguardano i “furgoni” corti in consegna, gli Indcar Mobi.
Come già citato nel precedente articolo di presentazione, gli Indcar Mobi sono vetture da 8 metri del tutto simili ai Cityos di Roma TPL, in servizio già da anni sui tracciati più tortuosi della Capitale.
Appaiono quindi prive di fondamento le critiche dei sindacati alle porte ad espulsione, che non aumentano significativamente l’ingombro stradale, la posizione dello specchietto retrovisore, necessaria per garantire l’ampiezza di visuale, e la mancanza di blocca porte, di cui anche i Citaro Atac sono praticamente tutti sprovvisti. Altresì non sembra sensato criticare così aspramente il posto guida ed alla posizione dei pedali, le cui caratteristiche sono regolate da una normativa piuttosto stringente.
Sicuramente la mancanza della cabina antiaggressione dovrà essere affrontata (non solo sui 20 Indcar Mobi, bensì su tutta la flotta di corte esistente che attualmente ne è sprovvista), ma da qui a bocciare l’intera fornitura come “non sicura” ce ne passa.
Occorre ricordare infatti che, secondo il piano di concordato, l’Atac dovrà produrre quest’anno 22 milioni di chilometri in più sulla rete di superficie: dimostrare quindi non solo di essere un’azienda solida, ma essere anche capace di riconquistare la fiducia dei molti pendolari lasciati per strada.
Raggiungere questo obiettivo ad oggi appare estremamente difficile, nonostante le nuove vetture previste, remare contro anche quel poco che si sta facendo non aiuterà nessuno: né pendolari, né autisti.

lunedì 11 febbraio 2019

Filobus Laurentina - I lavori sono ultimati


Era il lontano primo giugno del 2010 quando partirono i lavori del Corridoio della Mobilità EUR Laurentina-Tor Pagnotta e ad oggi, dopo quasi 9 travagliati anni di cantiere, i lavori sono stati finalmente completati. I collaudi richiederanno un paio di mesi al massimo, dipendendo questi della disponibilità della commissione di collaudo e da eventuali problematiche che potrebbero emergere.
Questo è stato sicuramente il dato più interessante emerso durante la commissione mobilità tenutasi oggi presso la stazione della metropolitana Laurentina: un sopralluogo dell'opera che si è trasformato in un lungo confronto con i cittadini del quadrante.

Quel benedetto "ultimo miglio"
La tensione sicuramente è stata palpabile nel momento di affermazione della corsia preferenziale Umanesimo-Metropolitana, che verrà realizzata limitatamente in soli tre tratti: centrale di immissione alla corsia preferenziale verso il GRA, in prossimità dell'incrocio con via dei Corazzieri e di piazzale Douhet verso la metropolitana. L'idea dell'amministrazione è di realizzare la striscia gialla, procedendo comunque in un regime di sperimentazione per aggiustare eventuali criticità.
Altre contestazioni sono state sollevate circa la chiusura delle svolte da via Laurentina in via dei Sommozzatori e in via Antonio Cippico, causa di molti incidenti sulla consolare. Trattandosi di situazioni intrinsecamente non sanabili, l'Agenzia per la Mobilità potrà solo cercare di mitigare le chiusure attraverso l'ottimizzazione dei tempi semaforici sull'unica svolta disponibile in via degli Artificieri.
Certo c'è da dire che se il IX Municipio avesse lavorato con i cittadini per una riorganizzazione della viabilità interna al quartiere Giuliano Dalmata, anziché promuovere un atto di bocciatura in todo della preferenziale, il problema non si sarebbe neanche posto.

Coordinamento, questo sconosciuto
Purtroppo durante la commissione abbiamo dovuto constatare la completa mancanza di coordinamento tra i diversi uffici. Per la mancata risoluzione delle interferenze di tracciato oltre Fonte Laurentina (come il nuovo capolinea di Trigoria o i transito davanti al campus biomedico), le linee filobus saranno ridotte da tre ad una sola. L'Agenzia per la Mobilità ha cercato di addolcire la notizia prospettando un programma della rete per "fasi", ma sta di fatto che il 722 e il 707 continueranno ad essere esercitate con  autobus ordinari per un tempo indefinito.
Tale mancanza di coordinamento tra i soggetti pubblici è emersa anche sull'organizzazione del capolinea di scambio "Brunetti", che sembra verrà approntato in maniera frettolosa in via Alfredo Capelli. Un'altro atto provvisorio, che non si sa se e per quanto sarà tale.
Altre mancate comunicazioni riguardano aspetti secondari come la rimozione dell'enorme quantitativo di rifiuti accumulatosi davanti al ponte sul fosso di Tor Pagnotta, su cui AMA sarebbe dovuta intervenire, o la continuità del percorso ciclabile che sarà mozzato in via di Tor Pagnotta. Omissioni, c'è da dire, che poco interferiscono col filobus, oltre ad essere di competenza di Parsitalia che sta realizzando il centro commerciale Maximo. In ultimo c'è anche la mancata manutenzione delle caditoie sul corridoio (e conseguente accumulo d'acqua piovana) all'altezza della rotatoria con via di Tor Pagnotta: altro tema non strutturale, ma che avevamo già sollevato mesi fa in altre commissioni.

Sarebbe un peccato che l'amministrazione capitolina, che ha il grande merito di aver sbloccato un cantiere insoluto da anni, si perdesse in queste battute finali a pochi passi dalla fine.

giovedì 7 febbraio 2019

Di nuovo a bordo del tram rosso



Il 22 settembre 2016, poco dopo l’elezione della nuova Giunta in Campidoglio, viaggiavamo con il neo assessore alla mobilità Linda Meleo e il presidente della omonima commissione Enrico Stefàno sul tram rosso 7115. Dalla allora molte cose sono successe: qualche segno del cambio di passo c’è stato, con le nuove corsie preferenziali, dall’altra tuttavia la qualità del servizio di Atac continua a precipitare.

Proprio in virtù di questa consapevolezza ho deciso di partecipare a questo secondo tram storico: cercare di rappresentare la quotidianità della situazione, superando per un momento l’attenzione alla progettualità che per natura mi interessa di più.

In tal senso il l’arrivo di nuovi autobus sembra essere davvero imminente: entro marzo saranno disponibili i 100 autobus che Atac noleggerà da altre aziende, consentendo di recuperare istantaneamente qualche chilometro in più. Seguiranno ad aprile i primi 15 minibus Gulliver, che consentiranno di riattivare la prima linea elettrica nel Centro Storico, ed entro i primi giorni di giugno dovrebbero entrare in servizi alcuni dei 227 autobus della gara Consip. Sempre durante l’estate si chiuderà la prima fornitura da accordo quadro dei Gulliver, con altri 10 mezzi revampizzati.

Un desiderio espresso dall’ingegner Brinchi dell’Agenzia per la mobilità è stato quello di attivare la nuova rete autobus notturna, presentata più di un anno fa in occasione dell’European Mobility Week, prima dell’estate in modo da soddisfare la domanda di mobilità durante l’estate romana 2019. Ci si lavorerà, ma solo dopo l’attivazione definitiva della nuova rete autobus dell’EUR, modificata in ragione del filobus laurentino.

Buone notizie anche sul fronte della filovia che non solo sarà attivata tutta elettrificata fino alla metro Laurentina (in un primo momento si pensava di attivare separatamente il bifilare dell’ultimo tratto Umanesimo-Metro Laurentina), ma sarà anche protetta dalla corsia preferenziale. Nonostante il parere negativo del IX municipio Enrico Stefàno ha sottolineato che terrà la barra dritta: la preferenziale Umanesimo-Metro Laurentina ci sarà! La sede riservata sarà realizzata solo nei pressi degli incroci principali: un giusto compromesso che garantirá l'accessibilità ai passi carrabili, fluidità del traffico e possibilità del filobus di mettersi in testa al traffico (il cosiddetto "effetto scooter").


In ultimo, nell'ambito metroferro, l’iter autorizzativo per portare la metro C a 9 minuti sarà ultimato a marzo, dopodiché Atac dovrà fare qualche test interno per perfezionare e ottimizzare il distanziamento dei treni con la nuova frequenza. Verosimilmente i tempi saranno abbattuti a partire da aprile. 
Notizie decisamente meno buone per quanto riguarda la stazione metro Repubblica: sebbene una parte degli impianti sia stata dissequestrata, Atac non sta facendo la necessaria manutenzione per mancanza di pezzi di ricambio. Non c'è quindi una data per la riapertura.

Sulla linea Roma-Giardinetti sembra delinearsi la chiusura della partita con la Regione. A fine aprile incontreremo nuovamente l'assessore per fare il punto della situazione.

sabato 26 gennaio 2019

IX Municipio: tutta la politica contro la filovia Laurentina



Accogliendo una mozione presentata dalle opposizioni, il consiglio del IX Municipio di Roma ha bocciato all'unanimità la corsia protetta del corridoio filoviario laurentino nel tratto compreso tra viale dell’Umanesimo e la stazione della metropolitana.

La preferenziale, originariamente proposta dal Campidoglio al centro della carreggiata, era stata rimaneggiata e traslata al lato delle principali intersezioni dell’ultimo miglio filoviario: via dei Corazzieri/viale dell’Oceano Atlantico e piazzale Douhet. Questa soluzione avrebbe potuto conciliare la necessità di dare la priorità al filobus (ma anche a tutte le linee autobus locali), che avrebbe “scavalcato” le code nei pressi dei succitati incroci, e di mantenere via Laurentina a due corsie per senso di marcia.
Intanto non si trattava neppure di una corsia preferenziale continua – spiega Giulio Corrente, consigliere pentastellato alla guida della commissione Mobilità – al contrario era una corsia frazionata in quattro o cinque punti:  a causa degli incroci con strade come via dei Sommozzatori si doveva infatti interrompere". E questo di fatto ne limitava già molto la funzione. "La preferenziale sarebbe stata un'altra cosa, ma comunque la soluzione migliore, a questo punto, è quella di puntare su semafori intelligenti che all'arrivo del filobus si attivino, per dargli la precedenza".

E’ evidente che la presunta soluzione dei semafori intelligenti non è altro che fumo negli occhi di chi spera che con la filovia possa arrivare velocemente alla metropolitana: come farebbe a passare il filobus, quando il semaforo lo vede e gli dà il verde, se resta incastrato in mezzo alle auto?
Anche qualora con la preferenziale si fosse registrato un risparmio di un solo minuto sui tempi di percorrenza, questo beneficio si sarebbe dovuto moltiplicare per le centinaia di corse autobus giornaliere in entrambi i sensi di marcia.

Fortunatamente il parere del municipio non è vincolante né sull’opera, né tantomeno sull’organizzazione della carreggiata di via Laurentina, la cui giurisdizione ricade interamente sulle spalle del Campidoglio: non resta che confidare nella guida illuminata del presidente della commissione mobilità Enrico Stefàno, che già ha reso possibile la protezione di alcune corsie preferenziali nonostante l’impopolarità dei provvedimenti.
In attesa dello scontro definitivo nella prossima commissione filoviaria, resta l’amarezza di dover constatare il perfetto allinamento della politica locale oltre ogni partito contro il trasporto pubblico locale.

mercoledì 23 gennaio 2019

Stop alla gara Roma TPL, pronti 5 ricorsi al TAR


La gara per l’affidamento delle “linee periferiche” di Roma, che doveva essere presentata a luglio e poi è stata rimandata agli inizi di novembre, ha già subìto uno stop. Le troppe iniquità del bando, dall’obbligo di riacquistare i mezzi usati (bus finiti in cenere compresi) ad un prezzo come se fossero nuovi, alla mala riorganizzazione del personale sui due lotti previsti, hanno spinto le aziende interessate a presentare ben 5 ricorsi al TAR del Lazio, per i quali la giunta sta attendendo nella giornata di oggi il pronunciamento sull'eventuale sospensiva di gara.

L’ennesima beffa a fronte di un bando già ritirato due volte per vizi di forma, come l’importo di un miliardo di euro precedentemente fissato a 100 milioni a causa di una virgola di troppo. La giunta pentastellata continua, nonostante i blog civici Odissea Quotidiana e Diario Romano abbiano messo in guardia l’amministrazione anche sull’ultima stesura del testo, a commettere sbagli grossolani di cui i romani sconteranno le conseguenze.

La gestione fallimentare dell’attuale esercente Roma TPL, che fatica ad erogare gli stipendi ai propri autisti, già prorogata fino al primo gennaio 2020 per i ritardi amministrativi potrebbe essere ulteriormente rinnovata per scongiurare l’interruzione del pubblico servizio nelle sofferenti periferie della città.