sabato 11 luglio 2020

Metro C, a che punto siamo?


Da lunedì 13 e per i prossimi 6 mesi la linea C della metropolitana chiuderà per lavori di connessione al tronchino di via Sannio.
In questo breve articolo ho voluto fare il punto della situazione del metrò verde, tra lavori in corso e speranze per il futuro: potete leggerlo su La Rinascita delle Torri.

venerdì 3 luglio 2020

Termini-Tor Vergata, la commissione del 3/07


È stato presentato alla cittadinanza in sede di commissione mobilità del VI municipio il progetto della Termini-Tor Vergata, che l’8 giugno scorso ha ottenuto dal Ministero dei Trasporti 213,8 milioni di euro.
Rammentiamo in breve che l’intervento riguarda la riqualificazione della linea esistente dalla stazione delle Ferrovie Laziali fino a Giardinetti, sulla quale sarà adottato lo standard della rete tramviaria romana, più due prolungamenti: uno di 500 metri verso Termini su via Giolitti e un tratto periferico da Giardinetti a Tor Vergata di 3,6 km.



La presentazione ha illustrato informazioni già note e pubblicate a più riprese anche su queste pagine, ma ha tuttavia consentito di tracciare il percorso che, idealmente, la ferrovia seguirà da qui alla fine del 2022, termine ultimo entro il quale i fondi del Ministero dovranno essere impegnati nei contratti d’appalto pena il ritiro del finanziamento.


Ad oggi l’Amministrazione dispone di un progetto preliminare (chiamato ai sensi del nuovo codice degli appalti dlgs n° 50/2016 “studio di fattibilità tecnico-economica”) che verrà sottoposto entro brevissimo tempo alla Conferenza dei Servizi, tavolo nel quale verranno auditi e recepiti i pareri di tutti gli attori in gioco: il Dipartimento Mobilità e Trasporti, l’Atac, Acea per i sottoservizi, le Soprintendenze ai Beni Archeologici, per citare qualche esempio.
Le indicazioni della Conferenza consentiranno al coordinamento di progettazione (Roma Metropolitane, Agenzia per la Mobilità e Risorse per Roma) di proseguire i processi con la redazione del progetto definitivo, che quindi sarà sottoposto ad una nuova Conferenza dei Servizi e alla procedura di Valutazione di Impatto Ambientale (VIA). Plausibilmente la redazione del progetto definitivo, che molto probabilmente fungerà da base gara, avverrà a gennaio 2021 e, richiedendo 180 giorni, terminerà a giugno dello stesso anno.
Al netto delle ulteriori procedure burocratiche, la gara per l’affidamento dell’opera, che forse sarà divisa in lotti funzionali come fortemente richiesto dal nuovo codice degli appalti, avverrà nel primo trimestre del 2022 concludendosi con l’individuazione delle ditte vincitrici per il giugno dello stesso anno.



Restano tuttavia ancora molte incognite, che andranno affrontate nel corso di questi mesi: la cessione dell’esercizio dalla Regione Lazio al Comune di Roma, per la quale i due assessori ai trasporti dovrebbero incontrarsi a breve, il ricalcolo del corrispettivo chilometrico nel contratto di servizio da far percepire ad Atac, le modalità di appalto e chiusura della tratta esistente.
Tutto ciò dovrà inevitabilmente fare anche i conti con le comunarie di giugno 2021, con la conclusione dell’attuale mandato di Virginia Raggi.

Per tali ragioni abbiamo richiesto, nonché fornita la nostra piena disponibilità, di partecipare a questo percorso per favorire quanto più possibile i processi in atto. Riteniamo che, oltre alla componente trasportistica della linea, sia importante tenere conto della sua centenaria storia e dell’importanza delle opportunità di rigenerazione urbana ad essa legate: la pedonalizzazione di via Giolitti, con la creazione di un salotto urbano nei pressi del tempio di Minerva Medica, la rimozione dei guard rail su via Casilina adottando protezioni più leggere e pregiate, la valorizzazione della componente storica, intesa sia come archeologia che come storia della linea stessa. Ci piacerebbe dunque che venisse creato un vero e proprio Museo della Roma-Fiuggi nel deposito di Centocelle.
Queste osservazioni, sebbene possano apparire come dei meri orpelli, potrebbero essere la chiave di volta per ottenere il favore delle Soprintendenze che dovranno pronunciarsi anche sulla possibilità di adottare il filo di contatto lungo tutto il tracciato, compresi siti delicati come Porta Maggiore o via Giolitti. Riteniamo infatti che l’adozione di tram a batteria ridurrebbe le possibilità di acquisto a parità di fondi, oltre a determinare importanti incertezze ed extracosti manutentivi.




Riapertura a Giardinetti
Rispetto alla riapertura a Giardinetti, richiesta anche da questo blog a patto che avvenga a condizioni ragionevoli, pare che sia in corso un’interlocuzione tra la Regione e il Comune. L’intenzione è quella di cogliere il momento del covid come giustificazione per reperire le risorse necessarie al ripristino funzionale della tratta esistente a Giardinetti. Si tratta ancora di un’ipotesi ancora piuttosto remota, che tuttavia si potrebbe ben coniugare con la prossima assunzione di macchinisti in Atac, da indirizzare in parte sul trenino giallo.

La necessità di salvaguardare il Futuro
Al di là della riapertura, la paura che più sentiamo nostra è che la prossima tornata elettorale e l’eventuale cambio di bandiera del Sindaco possano portare, come da tradizione romana, a disfare il progetto faticosamente conquistato dopo anni di attivismo e proseliti sul territorio.
Per tale ragione stiamo redigendo un documento che sottoporremo ai futuri candidati sindaci della Capitale: solo chi sottoscriverà di suo pugno l’impegno a realizzare la Termini-Tor Vergata (e futuri prolungamenti) potrà godere del nostro appoggio.  
Questa tuttavia è un’altra storia ancora tutta da scrivere.

Intanto, con l’avvicinarsi della pausa estiva, colgo l’occasione per ringraziare tutti coloro che hanno vissuto su queste pagine un altro anno di Sferragliamenti dalla Casilina. A meno di episodi straordinari, ci rivedremo a settembre, fermo restando la piena disponibilità al contatto via social (Facebook, Twitter, Instagram, Telegram e Mail).

Viva il trenino giallo, viva Roma, arrivederci!

mercoledì 17 giugno 2020

Riapertura Roma-Giardinetti, ora o mai più!


È stata approvata all’unanimità la mozione n° 220 del 2020 presentata dalla consigliera Svetlana Celli contenente l’indirizzo di riapertura della tratta Centocelle-Giardinetti, ormai sospesa da 5 anni, e cessione della proprietà della ferrovia di via Casilina dalla Regione Lazio al Comune di Roma: un passaggio che, sebbene abbia un valore solo formale, si inserisce nel percorso che ha consentito di ottenere i 213 milioni di euro per l’ammodernamento completo della linea ed il suo doppio prolungamento a piazza dei ‘500 e a Tor Vergata.

Tutto ciò nell’emergenza del covid-19 che ha messo a dura prova la tenuta della linea C, la cui frequenza non incrementabile sotto i 9 minuti ha causato a più riprese fenomeni di assembramento sui treni e presso la stazione di San Giovanni.

Ora che le basi per il futuro sono state gettate e sono stati ottenuti i finanziamenti (il cui ottenimento definitivo è vincolato al passaggio di proprietà Regione-Comune e la stipula dei contratti per l’esecuzione dell’appalto entro la fine del 2022), ci sono tutte le condizioni affinché i soggetti interessati (Atac, Comune e Regione) si siedano ad un tavolo per discutere la riapertura della tratta sospesa.

Al fine di cautelare l’operazione da attacchi strumentali, che abitualmente colpiscono qualsiasi iniziativa di mobilità pubblica nella nostra città, incitiamo in tal senso l’Amministrazione comunale a disporre una relazione che consideri i costi di ripristino della sede ferroviaria rispetto ai benefici indotti dal, seppur breve, periodo di riapertura.

Stando infatti alle documentazioni progettuali, in ogni caso la tratta Centocelle-Giardinetti potrebbe chiudere nuovamente a partire dalla seconda metà del 2022, a causa dei cantieri necessari per la trasformazione in metrotramvia.